Archivio per giugno 2006

Roma scroccona

Scopro che il wireless del sindaco, nei parchi e in certe piazze romane – limitato ad un’ora gratis et amore Veltronis, per la fase sperimentale; e forse flat una volta sperimentato, previo esiguo canone – dovrebbe essere limitato da una finestrella conta-minuti che, a quanto pare, sul mio mac, non può essere eseguita. Quindi navigo finché mi dura la batteria. Dovevo tenerlo per me?

Aggiornamento:

Non è che qualcuno mi fa attaccare la spina? Vi avanza per caso un pannello solare?

Punti di vista/2

Mi domando fermamente cosa possa spingere il mio zio più saggio a sostenere che Paola Perego sia una delle pochissime soubrette a poter vantare delle origini altrettanto umili rispetto a quelle di Lorella Cuccarini.

L’apprendista padrone

Salgo a palazzetto dal mio cugino insolato. Mi accoglie come il più elegante ed orientalizzante dei compagni a Oxbridge di Pendennis; vestito, dodicenne, di un pigiama di seta tutto tempestato di asole ed alamaretti, e avvolto tanto da una vestaglia intonata, quanto da uno stuolo di operai che, ai suoi ordini, montano finestre antivento. Carmelina, la domestica number one, mesce cochecole in bicchieroni termici con cannuccia incorporata. Un folletto irlandese, da Disney channel, sarebbe la gioia marketing del produttore di plasma che lo rende disponibile in questo angolo di terra, tanto è scattuso il verde di cui è vestito. Lui è un apprendista padrone, meravigliato ancora per poco, come quello stregone, di poter dirigere le piccole stelle della parte di cielo che gli è a disposizione.

Avanti, Cirami!

Una deliziosa didascalia, sbagliata dalla Gazzetta del Mezzogiorno di oggi, volendo illustrare uno dei servizi sulla cattura del Savoia, ha finito per attribuire nientemeno che alla sede di Campione d'Italia – e nella fattispecie al suo Casino municipale – la competenza per la faccenda. Te piacerebbe, Vitto'!

Ipotesi dalemiana

Ancora non so se la fortissima antipatia che provo per lui possa in qualche misura mitigarsi.
Massimo D’Alema è un uomo odioso, e questa è la prima impressione che lui stesso vuole dare di sé. Si vede.
Credo pure che dietro tale ottimo risultato si celi un certo sforzo, un impegno, evidentemente molto sentito. In ogni sua apparizione sembra stizzito, innervosito, schifato dall’interlocutore, letteralmente disgustato direi.
D’altronde i baffini sono certa che servano proprio a rimarcare la smorfia di disgusto che si disegna sul suo viso in ogni pubblica occasione (a quelle provate non voglio pensare), quando il labbro ed il naso si incurvano, perfettamente coordinati dall’apparente viscerale ribrezzo che gli suscita la visione di chi si sta di fronte.


Ebbene si, oggi ho avuto l’illuminazione.
Forse è tutto un bluff.
A tradirlo? Un elemento banalissimo: il fatto che non guarda mai nessuno diritto negli occhi. Sintomo inequivocabile di timidezza.
E chi lo avrebbe detto.
Ma c’è di più. Vedendo ieri al tiggì le immagini del suo arrivo a Bruxelles, con Prodi, si notava qualcosa di veramente strano.
Mentre il premier, nella sua mediocrità, sfilava oserei dire disinvolto al cospetto degli illustri Capi di Stato del Vecchio Continente, non così Baffino.
Camminava incerto, si aggiustava la cravatta, muoveva impacciatamente le mani. Sembrava … nervoso?
Imbarazzato? Chissà, si sarà sentito inadeguato?
 

Vuoi vedere che è un orso (comunista) dal cuore tenero? Odioso e comunista … ma tenero?!

Il toscano le ammazza stecchite

 

Come un nuovo superpotere da X-men, di questi tempi, porto appresso su e giù per le stanze in cui mi trovo, un Vape portatile a batteria di colore rosso, che mi ricorda due estati nella camera dell’ospite dalla mia Pollon, in cui non poteva mancare; e che mi piace tanto che lo vorrei in più colori, di cui uno almeno bianco, per abbinarlo al nuovo portatile.

Non basta la pipa per certi scocciatori. Una volta ero in piazza San Pietro nei minuti precedenti all’elezione di Benedetto XVI, me ne stavo tutto solo in un angolo neanche troppo prestigioso, dai sampietrini incerti, seduto ad espettare che accadesse qualcosa.

E un nugolo di suore (non posso fare a meno di pensare alla SuorCaTroia di Harry Fotter, quando ci penso: un saluto a Paolo Chiavator) mi si siede quasi intorno. Eppure la piazza non era gremita. Mi cominciano a dire come sono bellino e se vado a messa pure il sabato.

Un toscanello special fu quello che ci volle.

Chi si nasconde dietro al Sipario?

Vorrei proprio saperlo: è una mia curiosità.
Le squinziette di volta in volta chiamate a condurre il trucido programmino di intrattenimento di Emilio Fede (nel senso proprio di intrattenimento di Fede e non di programmino di Fede 😉 ) devono essere per forza telecomandate da qualcuno. E non da un qualcuno qualsiasi, bensì da una persona sadica abbastanza da poter godere della mia più profonda stima.
Non è possibile: prima pensavo che fosse un problema personale della Senette, se lei era costretta a fare tutte quelle innaturali pose plastiche sulla poltroncina in primo piano.
Poi lei se n’è andata ed è stata sostituita da altre giovinotte ben più disinvolte in quanto senz’altro meno intellò e più sgallettate: gente del calibro di Teodora Rutigliano, Antonella Mosetti, Alessandra Balletto e ora pure Katia delGrandeFratello (Mirka Viola per la mia confessata passione per Cento Vetrine la voglio intenzionalmente escludere dalla black list), non so se mi spiego…

Eppure ci cascano anche queste sorridenti signorine: tutte loro gesticolano buffamente allo stesso modo, muovono le braccine ossute in maniera scoordinata dalle parole, accavallano scomodamente le gambe desnude ed usano espressioni con cui hanno visibilmente troppa poca confidenza.
È chiaro: c’è una mente diabolica dietro tutto ciò che si prende gioco di loro, facendole cimentare in una conduzione inadeguata e vendicando così l’inesistente gavetta che le Sipariette hanno alle spalle. Che sia lo stesso incorregibile Fede?
Non importa, tanto giustizia è fatta.


Contatti

Potete scrivermi qui

Feed

Twitter

Badges

Blogarama - The Blog Directory Arts & Entertainment Blogs - BlogCatalog Blog Directory Sfondi Desktop Gratis per  Vista sfondo desktop

Mi avete fatto

  • 255,072 visite