Un anno di Non Rassegnata Stampa/2

Oggi ho scritto, per domani, l’articolo che avevo promesso su due pazzi di grande talento, Filippo e Mauro. Esce domani sull’Opinione (sempre nella vostra amatissima rubrica sulla tv) e lo anticipo qui di seguito (versione completa qui).

Non rassegnata stampa” è uno dei pochissimi tentativi riusciti – se non l’unico – di realizzare un programma televisivo in italiano trasmesso solo via internet, senza ricorrere alla solita diffusione per mezzo dell’onnipresente Youtube, o alla noia seriale e mortale da parte del pubblico. Diciamo riuscito perché, per quanto si sia già oltre la centesima puntata, in ogni video disponibile (tutti archiviati e commentati, a partire da una home page organizzata come un blog) non si avverte alcuna stanchezza o ripetitività, ma anzi innovazione e un po’ di affezione per il duo che lo conduce.

È realizzato nello spirito di un reality show, ma ben scritto e ben recitato, che riprende la vita quotidiana di due attori, che per fortuna lo sono anche nella realtà: uno più comico puro (Filippo Giardina) e l’altro più autore parlante (Mauro Fratina). Raccontano le loro ricerche di spazio in tv e in teatro – cosa che, del resto hanno ampiamente avuto, nella vita, prima di optare per questa svolta totalmente indipendente e originale. Tornati a casa, davanti alla webcam, si lanciano in brani di satira politica e culturale tanto efficaci che arrivano a sparlare di Rita Levi Montalcini senza mai cadere di stile o di contenuti, e sempre sul filo sottilissimo dell’attualità delle notizie del giorno. Che – scusate se è poco – è un po’ come trovare un motivo veramente valido per sparare sulla Croce Rossa, e poi ridere insieme a lei della classica bandierina onomatopeica che ne era il colpo in canna.

Così, ad esempio, nell’occasione di una visita alla Rai, per un colloquio donchisciottesco con il direttore del “primo canale” Del Noce (finto a reale che sia, è comunque donchisciottesco), i due escono forse sconfitti nella forma, ma ispirati creativamente nella sostanza. Segue una puntata spassosa sulla fiducia in se stessi e nel proprio governo.
Da segnalare la mini-saga dedicata ai preti. Opportunamente travestiti da “Men in black” (clergyman d’ordinanza e occhiale da sole post Vaticano II), e senza neppure porsi il problema di interpretarne uno buono e uno cattivo (anche se uno dei due è chiaramente più ecumenico, e l’altro meno socievole), Mauro e Filippo, da un casolare in campagna, cercano di diffondere nel mondo la loro interpretazione dei dieci comandamenti, con delle pratiche lezioni video da “guida al fai da te” in edicola.
Geniale la sigla con cui una di queste puntate sul clero si conclude: mentre uno dei due lava con una pompa da giardino il cotto davanti all’uscio della casetta (simbolo delle coscienze), e l’altro chaplinianamente lo soprende con una secchiata d’acqua (simbolo della sua, di coscienza).

I due non hanno mai la freddezza che vorrebbe essere british, ma non può, del possibile concorrente “Quasi Tg” di Rocco Tanica (da anni fra i migliori italiani in musica, con Elio e le storie tese, con il solo difetto di aver deciso di dedicarsi a un’impresa così infelice dal punto di vista tanto della scrittura quanto della qualità degli interpreti-inviati, con l’eccezione della stessa Deborah Magnaghi di tante edizioni di Bim Bum Bam). Speriamo sinceramente che questa ennesima parodia del telegiornale, come se Striscia e almeno una decina di imitazioni più o meno malriuscite non ci fossero già state, sappia riprendersi o rinnovarsi completamente.

5 Responses to “Un anno di Non Rassegnata Stampa/2”


  1. 1 Aiku dicembre 17, 2007 alle 11:34 am

    Ma scherziamo? Molto meglio il Quasi TG con Tanica… tra gli inviati c’è anche Claudia Penoni, poi.
    Consiglio di andare a dare un occhio ai video su youtube!

  2. 2 venerablebidet dicembre 17, 2007 alle 12:37 pm

    Potrebbe anche essere condotto da Lorella Cuccarini ringiovanita, ma non mi strapperebbe comunque neanche un sorriso

  3. 3 Aiku dicembre 19, 2007 alle 4:58 pm

    Evidentemente non piace solo a me, cosa che non possiamo dire del tuo “show”.
    Chi ne ha mai sentito parlare…?
    Capisco che a te piaccia, complimenti anche per l’articolo, però… non vedo successo di pubblico 🙂

  4. 4 priedavat dicembre 29, 2007 alle 12:10 pm

    Aiku, sei un po’ triste: da quando la qualità di un prodotto si misura in base al numero di persone che lo consumano? La coca-cola è più buona del the verde Krihtishan?

    Mi fai venire in mente quella puntata di South Park dove a un bambino asportano i testicoli perchè non è riuscito a vincere una gara di apprezzamento.

    Aggiungiamo poi che il QTG non fa ridere, al massimo si può sorridere quei cinque secondi ma non ti lascia nulla, mentre la non rassegnata stampa è un prodotto validissimo pieno di battute rivendibili in giro.

    P.e. la battuta dello sciopero della pippata, che mi ha segnato l’esistenza nei secoli dei secoli amen.


  1. 1 Il mondo è curioso « Solerte Accidia Trackback su dicembre 16, 2007 alle 12:54 pm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Contatti

Potete scrivermi qui

Feed

Twitter

Badges

Blogarama - The Blog Directory Arts & Entertainment Blogs - BlogCatalog Blog Directory Sfondi Desktop Gratis per  Vista sfondo desktop

Mi avete fatto

  • 255,072 visite

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: