Su Luca Sardella su Janira Majello

luca sardella

Pezzo di domani nella rubrica sull’Opinione. L’ho sempre scritta, ma non so perché non ve l’ho segnalata per un po’. Comunque mi state simpaticissimi lo stesso.

Di tanto in tanto non ricordarsi di Luca Sardella è inumano. Di più: è inquinante, e un poco puzza. Questo arbre-magique dei palisesti, questo divor-odor di tutte le brutture di Rai Due (che da quando ci sono i reality di serie B e B2 non sono affatto poche), questo corpo forestale della tv di stato, è effettivamente un personaggio dal sapore unico, che andrebbe, più che rivalutato, valutato davvero per la prima volta.

In attesa che questo avvenga, ci limitiamo a dirvi quanto ci piace il modo in cui solo Luca riesca a coniugare serietà nella conduzione e velleità canore, profonda conoscenza di piante e fiori (con tanto di relativa laurea in agraria) e quella della sua perpetua televisiva Janira Majello, insieme alla quale nasconde uno dei segreti meglio tenuti della nostra televisione: i due ci sono o si fanno?
Mai qualcosa che possa rivelare qualcosa di più di quella stima professionale e pseudo-erotica, che tanto contraddistingue i concorrenti di talent show sul ballo, come Ballando sotto le Stelle, e segnatamente Hoara Borselli e il suo Stefano Di Pasquale.

Facile, direte voi, per due ballerini eroticizzarsi ed eroticizzare noi, dovendo stare avvinghiati per interi quarti d’ora a ritmo di tango, bachata, o qualunque altra movenza Hoara sia convintissima di saper padroneggiare. Il difficile è farlo quando bisogna trattare di come potare i geranei della scorsa stagione. Sono momenti difficilissimi, per un conduttore che realmente ci voglia provare, con la sua assistente giovane e carina, una di quelle anche abbastanza intelligenti da non badare al suo cappello pastello, ton su ton con la giacca, per di più. In quei momenti, anche solo un volo pindarico dalla scaletta, in favore di argomenti come l’impollinazione, potrebbe fare la differenza.

Eppure, mai un doppio senso, mai una caduta di stile. Mai uno sguardo da pesce lesso di troppo, e perfino in sigle di testa come quella che Luca e Janira si cantano a vicenda all’inizio di Garden, il loro nuovo spazio su Rai Due, il giovedì mattina alle 9. E, beninteso, stiamo parlando di sigle di testa che comprendono, all’interno del loro testo, passaggi come: “Tu sei per me la donna che vorrei”.
In ogni caso, questa trasmissione, realizzato in collaborazione con il Ministero delle Politiche agricole, è una delle più riuscite per il duo. I loro consigli, le loro premure, farebbero venire il pollice verde anche a un taglialegna canadese originale.

Fondamentale la rubrica “Cosa compro” in cui, alla maniera di Occhio alla spesa, una famiglia dal budget limitato (e una lacrimuccia scende sul viso della telespettatrice più affezionata a Sardella, pensando ai tempi, ormai finiti, della temporanea epurazione dalla Rai e dal lavoro di divulgatore campestre) deve fare i colti con l’acquisto e la cura di un tipo di pianta che, pur variando di puntata in puntata, le darà sempre la stessa soddisfazione: enorme.

Janira, dal canto suo, donna dalla distanza quasi dantesca dal suo partner televisivo, si rifà subito dopo con composizioni al limite del lussuoso, quasi delle invenzioni alla Muciaccia per difficoltà esecutiva e prezzo da pagare per i genitori che dovessero cogliere i proprio figli – di tutte le età – a cercare di ripetere in casa quello che la Majello fa in studio. E le mani sono sempre e solo rigorosamente le sue.

3 Responses to “Su Luca Sardella su Janira Majello”


  1. 1 Simone giugno 12, 2008 alle 8:40 pm

    Oddio, ci sono ancora? Pensavo fossero scomparsi, sono un mito e una leggenda del tubo catodico per quanto mi riguarda!

  2. 2 giò agosto 3, 2008 alle 10:00 pm

    finalmente sono tornati, ma per poco, purtroppo. spero diano loro più spazio e per una più lunga durata. siamo stufi di volgarità e violenza. grazie

  3. 3 Luisab ottobre 29, 2008 alle 4:37 pm

    ma come sono tristi e trash questi due…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Contatti

Potete scrivermi qui

Feed

Twitter

Badges

Blogarama - The Blog Directory Arts & Entertainment Blogs - BlogCatalog Blog Directory Sfondi Desktop Gratis per  Vista sfondo desktop

Mi avete fatto

  • 254,196 visite

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: