Che meraviglia le riprese del Tour de France

Anche quest’anno è una prerogativa della RAI Radiotelevisione italiana cercare di essere all’altezza, per il tramite dei propri commentatori specializzati, delle sempre strepitose riprese della regia (francese) del Tour de France. Anche delle corrette tempistiche negli inserti pubblicitari non fanno male a questo confronto fra due modi, l’italiano e il francese, di intendere la televisione pubblica, molto lontani, quasi opposti nelle serate di varietà ma, per questi pomeriggi sportivi, in sinergia.

Le riprese aeree, in particolare, non hanno eguali in alcuna manifestazione del genere. E non sarà naturalmente merito solo del tipo di coltura delle campagne d’Oltralpe, del loro modo in qualche misura coscienzioso di alternare colori, rilievi e distese di pascoli. C’è un’intenzionalità forte in ogni cambio di inquadratura, e quasi nulla è lasciato al caso, anche se solo all’inatteso è affidato il capolavoro, che sia una moto che inchioda, ahimé, per soccorrere, senza smettere di riprendere, un’anziana colpita nel pieno della sua passione ciclistica dal simbolo più cocente della sua attenzione – un’intera bicicletta professionistica in fronte, per via di una caduta – sia che si tratti più piacevolmente di una stretta di mano prima del tempo, fra due compagni di squadra che sanno di dover perdere, e pure di aver fatto una gara eccezionale.

I vuoti e i pieni; le fronde degli alberi immobili, e le maglie colorate inarrestabili. Le fughe che, dalla motocicletta (forte della sua mancanza di sforzo, e della spettacolarità degli obbiettivi e delle intenzioni) paiono lo sforzo immane di un essere inumano o semidivino, o giù di lì; poi, appena lo spazio non è più lo stesso, e diventa quello che più spesso dei ciclisti possono vedere gli uccelli o gli elicotteristi, la fatica non si sente più, neanche per interposta persona, e il finale della tappa, i nodi che vengono al pettine, i campanili delle chiese sembrano più vicini, il naturale svolgimento delle cose giungono come un ristoro dell’attenzione e della curiosità.

Auro Bulbarelli e Davide Cassani fanno un lavoro molto diverso da quello solito, macchiettistico, che hanno deciso da generazioni di svolgere i colleghi telecronisti versati in altri campi, come soprattutto il calcio e il tennis. La norma, da SkySport fino alle più blasonate postazioni RAI, è quella di affiancare ad un commento a tutto tondo, fornito da un cronista vero, fornito anche di bella voce e possibilmente grammatica affiatata col cervello, quello più tecnico, spesso demotivato e un po’ cialtronesco di un ex sportivo del ramo, che si limita a contraddire su quanche punto quello che il primo ha appena enunciato, salvo poi tacere appena l’altro ha ribadito in italiano corretto quello che aveva precedentemente stabilito, una volta per tutte.

Bulbarelli e Cassano infrangono questa tradizione da duo (capocomico e spalla) sotto il peso della loro pacata competenza, del loro garbo e delle loro annotazioni extracurriculari mai fuori luogo, o fuori tempo (non mancano, nel corso dei momenti di calma, ché al Tour non si tratta di una finale di Wimbledon, qualche volta, dal punto di vista della spettacolarità).

1 Response to “Che meraviglia le riprese del Tour de France”


  1. 1 diendanlequydon.com settembre 23, 2014 alle 6:23 am

    Hi to all, the contents existing at this website are truly
    awesome for people knowledge, well, keep up the nice work fellows.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Contatti

Potete scrivermi qui

Feed

Twitter

Badges

Blogarama - The Blog Directory Arts & Entertainment Blogs - BlogCatalog Blog Directory Sfondi Desktop Gratis per  Vista sfondo desktop

Mi avete fatto

  • 255,426 visite

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: