Archivio per ottobre 2008

La prima settimana di YouDem

Domani sull’Opinione, per la rubrica di critica televisiva.

La prima settimana della YouDem Tv è partita, com’era prevedibile, troppo presto, e gli effetti si vedono tanto da un punto di vista squisitamento (si fa per dire) tecnico, quanto da uno grossolonamente contenutistico.
Ma battere di qualche giorno la Red Tv dalemiana era una prospettiva troppo allettante per chi aveva intrapreso la sua lunga strada verso la pubblicazione di una piattaforma imperfetta diversi mesi prima della web tv correntista.

E così, il canale è partito, con fermo bando alle assonanze con YouPorn, e anche alle accuse, che povengono dagli ambienti più variegati (in particolare il Claudio Caprara direttore di Nessuno Tv – sebbene sappiamo che Red Tv si baserà principalmente sull’esperienza proprio di Nessuno Tv) che il concetto stesso di libertà dell’utente di un concetto di web tv non possa essere messo a repentaglio dal concetto di Partito democratico.

Naturalmente, le prime prove di quanto sostengono i detrattori su questa posizione, sarebbero anche già arrivate. YouDem, per suo manifesto politico, è un canale aperto ai contenuti degli ascoltatori, ma come uno YouTube dai gusti leggermente più difficili, come una Current Tv di Al Gore, per la precisione. E, dal momento che i suoi “programmi” non sono solo visibili via internet e via cellulare di “ultima generazione” (come si attesta in vari disclaimer sul sito, forse per scoraggiare qualche indeciso), ma anche sul canale 813 di Sky, e dunque si potrebbe prima o poi fare sul serio in quanto ad ascoltatori e tipologie di ascoltatori, i dirigenti di YouDem si stanno dimostrando aperti soprattutto ai contenuti prodotti da essi stessi, o alle loro opinioni sui contenuti prodotti effettivamente dagli utenti. Continua a leggere ‘La prima settimana di YouDem’

Candy Candy in un’ora e mezza

Domani sull’Opinione pezzo sull’opera di un genio del montaggio.

Chiunque negli anni ottanta abbia avuto un cuore, e ha meno di 40 anni oggi, sa benissimo di chi stiamo parlando quando parliamo di Candy Candy.
Tutti gli altri, come succede da anni, faranno finta più o meno efficacemente di non averlo mai saputo. I più astuti, e fra questi non ultime alcune signore sulla sessantina che ne dimostrano fino a quindici anni di meno, simuleranno, con la stessa credibilità con cui mentono sull’età, di averlo invece dimenticato.
Candy, in ogni caso, è la più famosa orfana di orientamento tardissimo e romantico di cui si abbia traccia nella cultura nipponica ambientata nel Regno Unito. Si, perché Candy era inglesissima.

Una delle prime cose che di questa interminabile e bellissima serie a cartoni animati si apprende, non appena un vecchio spettatore raggiunga l’agognato senno di poi, è proprio il fatto che Candy raccontava, in modo molto originale per i suoi tempi, di sentimenti e di emozioni che ancora oggi sono attualissime e validissime, anche nel nostro mondo, se non altro perché gran parte del nostro mondo, se abbiamo conosciuto Candy Candy in tempi utili e non sospetti, è stato talmente influenzato da Candy Candy che, se facciamo proprio attenzione, non ce ne siamo resi conto, ma abbiamo chiamato nostro figlio Clin (come l’animale selvatico da compagnia della nostra dama con l’ermellino contemporaneizzata preferita). Continua a leggere ‘Candy Candy in un’ora e mezza’

Raffaella Fico declinata

Domani su l’Opinione.

Raffaella Fico – dovete sapere – è una ex concorrente del Grande Fratello che un mese fa si era messa in testa un’idea meravigliosa, nascosta fra i ricci di cui è naturalmente e napoletanamente dotata: vendere la propria verginità per un milione di euro. Ora, Raffaella Fico è lungi dal non provarci neanche, ad declinare il suo nomen omen per la gioia dei figli delle lettrici di Diva & Donna. Raffaella è un bellissima ragazza dotata di un calore più che semplicemente mediterraneo: quasi libanese. E’ di quelle brunette di piccola statura che sono sarebbero la delizia dei fumettari, e invece, molto spesso, finiscono per essere l’accompagnatrici dei soliti ignoti noti imprenditori delle didascalie di Chi.

Dunque, niente di straordinario nel cercare di vendersi, o quantomeno affittarsi, in cambio di somme di denaro. Forse, il vero elemento di disturbo (o di estraneità), in questa prima parte della vicenda, è la presunta verginità di un essere umano ventenne di livello e di sesso femminile che abbia partecipato alle selezioni del Grande Fratello, le abbia superate, che abbia partecipato al reality e ne sia uscita da mesi. Del resto, ci vengono presto in mente tutti i notissimi luoghi comuni che si riferiscono alle verginità delle alunne di istituto di suore negli anni ’70 e ’80. Ma tant’è. Continua a leggere ‘Raffaella Fico declinata’

La Rai gioca alla mamma su YouTube

Anticipazione di un pezzo di domani su l’Opinione.

Il lento processo di avvicinamento dell’antica Rai al web compie in questi giorni un’accelerata talmente decisa che perfino i giornalisti de la7, la prima della classe nel settore, potrebbero cominciare a sentire una discreta quantità di fiato sul blog.

Già un anno fa la Rai si era dotata della chicca di un account YouTube da “director”, cioè personalizzato col proprio logo e i propri contenuti – a dire il vero, però, fino a ieri ancora decisamente scarni e poco interattivi. Una sorta di Blob “ottimista e di sinistra”, solo apparentemente personalizzabile dall’utente, nei suoi corsi e ricorsi di servizi chiave dei tg e backstage di infotainment dai nomi poco usati.

Da oggi le cose cambiano, e di molto. Il nuovo accordo Rai-YouTube (e dunque Rai-Google) prevede una distribuzione decisamente massiccia di contenuto online: saranno presenti anche programmi relativamente interessanti, e ben oltre il vetusto limite della clip da 2-3 minuti. Inoltre, lo spazio sarà suddiviso in canali tematici, di modo che i bambini che ne usufruiranno – certamente, ben prima e più efficacemente dei loro genitori – possano evitare con accuratezza di guardare i cartoni animati loro riservati. Continua a leggere ‘La Rai gioca alla mamma su YouTube’

Nessun favoreggiamento alla Carfagna

Domani in edicola su l’Opinione

Cast della grandi occasioni, a Porta a Porta, la notte di questo giovedì. Il solito ensemble variegato, da variante di barzelletta sporca, stavolta è dedito al tema della prostituzione. Un prete, un ministro, un’attrice, una giornalista e un giornalista-cliente (per sua ammissione e nostra delizia) discutono intorno alla questione morale (e logistica) di come fare a meno di questa categoria, vecchia come il mondo, fonte di desiderio rinnovabile, alternativa alla sempre più ripida burocrazia dei sentimenti, altro oppio dei benestanti.

Mara Carfagna, possiamo dirlo senza alcun favoreggiamento, non era forse mai stata così bella in televisione. Veste d’una camicetta chiara, leggermente aperta sullo sterno divino, tessuta in uno di quei filati che non possono esistere in natura, e che ci ricordano, quando siamo ispirati, l’idea che ci facciamo delle camicette del futuro quando siamo bambini, e guardiamo troppa televisione, o semplicemente poche sfilate di un certo livello. E’ astratto, nuovo, relativamente impalbabile eppure concretissimo.

La medesima camicetta pare mettere la dita nel naso e sollevare di peso quella, a pois, indecisi, che indossa la sagace Ritanna Armeni. Continua a leggere ‘Nessun favoreggiamento alla Carfagna’

Uomini e donne, strage linguistica e morale

Domani su l’Opinione

Ogni tanto, forse, vale la pena di tornare a guardare Uomini & Donne, come parenti di vittime di gravi delitti irrisolti che sentano il bisogno di rivedere, di tanto in tanto, la scena del crimine. Del resto, molto spesso, parenti di vittime di Uomini & Donne lo siamo davvero.

Questo programma, più che di un semplice delitto, è il reo confesso di una strage: linguistica, spesso morale, a volte semplicemente esistenziale, per centinaia di migliaia di adolescenti di ogni età, estrazione e pronuncia della parola “love”. Una disgrazia, quella di guardare con attenzione Uomini & Donne, che non risparmia certo laureati, anche in università pubbliche e, quel che stupisce maggiormente, anche diversi adulti non del tutto vaccinati, che scorgono nelle lunghe “esterne” e nel gergo da appuntamento galante 2008 che è l’ossatura della trasmissione, un Manuale d’amore che sia più attuale e meno doloroso o divertente da applicare rispetto a quelli diretti da Giovanni Veronesi.
C’è poco da dire sulla struttura del programma che non si sappia già, e che non si dispressi già.

Eppure, nei pomeriggi d’autunno, non è impossibile scorgere intere camere doppie di bocconiane – dal discreto tempo libero, e dalla notevole disponibilità economica e di fascino (alcune, si dice, somigliano persino alla velina bionda) – intente a far finta con se stesse di leggere Diva & Donna, mentre non fanno altro che guardare la De Filippi. Quando se lo confessano a vicenda, diventano amiche per la vita. Continua a leggere ‘Uomini e donne, strage linguistica e morale’


Contatti

Potete scrivermi qui

Feed

Twitter

Badges

Blogarama - The Blog Directory Arts & Entertainment Blogs - BlogCatalog Blog Directory Sfondi Desktop Gratis per  Vista sfondo desktop

Mi avete fatto

  • 254,014 visite